La pioggia e soprattutto le previsioni che indicavano condizioni meteo avverse hanno parzialmente rovinato la festa al 30° Trofeo Giugni disputatosi come ogni anno sulle alture di Albosaggia. La gara, fra le più attese di fine estate, ha fatto registrare numerose defezioni ed in molti, fra i quasi 200 iscritti, hanno deciso di non presentarsi rinunciando così ad un evento che, a conti fatti, non ha subito grosse limitazioni con precipitazioni leggere durante e al termine della corsa e partenza tutto sommato all’asciutto.
Insomma la fortuna ha assistito gli audaci, che si sono dati battaglia su un tracciato bellissimo e perfettamente preparato grazie al lavoro della Polisportiva Albosaggia che organizza l’evento in collaborazione con la famiglia Giugni, grazie all’impegno dei numerosi volontari delle associazioni del paese e al sostegno del Comune di Albosaggia.
Nessun intoppo, nonostante la complessità delle procedure a causa delle norme anti contagio, nella logistica dell’appuntamento apertosi con la consegna dei pettorali e del pacco gara contenente l’ambita maglietta celebrativa per i giovani e una pregiata bottiglia di Grumello per gli adulti.
Il copione – nella cornice offerta dalla sede del Parco delle Orobie Valtellinesi – ha superato brillantemente la verifica di green pass ed autocertificazioni obbligatori per tutti senza nessun assembramento e in un clima di piena serenità e collaborazione.
L’atmosfera giusta per il trasferimento davanti a casa Giugni dove si è rinnovata la consueta emozionante partenza in linea scattata puntuale alle 9,45 per la gara Fidal e alle 9,50 per la competizione riservata ai giovani.

Il percorso, ormai noto per l’alto gradimento da parte degli atleti e di tutti gli appassionati, è stato sostanzialmente confermato con piccole ma importanti novità, prima fra tutte l’ulteriore riduzione del già breve tratto di asfalto a favore di sterrato e sentieri. Alla fine, ecco il verdetto del cronometro.

La classifica assoluta Fidal ha visto prevalere Fabio Ruga della Recastello Radici Group con il tempo di 00:41:32 davanti a Tommaso Caneva del G.P. Talamona (00.43:15) e a Massimo Bardea dell’A.S. Lanzada (00:44:52).
Nella gara corta maschile primo gradino del podio per l’atleta di casa Marcello Scarinzi seguito da Davide Mazzucchi della Sportiva Lanzada e da Daniele Ciaponi del G.P. Talamona mentre nella femminile vittoria per Silvia Boscacci che ha preceduto
Sofia Mariani e Caterina Cioccarelli, tutte e tre della Polisportiva Albosaggia.

La gara era anche valevole per l’assegnazione dei titoli provinciali di corsa in montagna che sono stati conquistati da: Sveva Della Pedrina del GP Valchiavenna (cat. Juniores) – nonché vincitrice assoluta, Debora Giugni della Polisportiva Albosaggia per la cat. Senior e Cinzia Cucchi atleta del Castelraider per i master.

I titoli maschili sono stati assegnati a Matteo Bardea della Sportiva Lanzada, Saverio Steffanoni della Polisportiva Albosaggia, Tommaso Caneva del GP Talamona e Graziano Zugnoni del santi Nuova Olonio rispettivamente delle categorie junior, promesse, senior e master.

L’arrivo, nel giardino dietro il municipio, ha regalato ad agonisti e amatori il tifo e gli applausi di un pubblico folto e motivato ma altrettanto rispettoso del necessario distanziamento e delle altre precauzioni da tenere. Rinfresco al riparo grazie al tendone montato dal Gruppo Alpini di Albosaggia e premiazioni volanti per mano di Fausto Giugni in rappresentanza dei familiari di Massimo a cui la gara è intitolata. “Per tutti noi una grande soddisfazione – è il commento del presidente della Polisportiva Albosaggia, Gianluca Cristini – soprattutto perchè la meteo si è rivelata meno temibile del previsto; anche se diversi iscritti hanno dato forfait, la nostra manifestazione sportiva ha nuovamente regalato a tutti una giornata di gioia e si vero spirito sportivo”. Ed infine i ringraziamenti: alla fam. Giugni, i tanti volontari ed i partner che ci hanno supportato per la riuscita della manifestazione.

Claudio Bormolini

ASD Polisportiva Albosaggia

TMG-Gara-corta

CLASSIFICA-ASSOLUTA-FIDAL

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews