La tre-giorni dei Campionati Italiani Assoluti a Bormio, recupero della stagione 2020/2021 valido per l’assegnazione dei titoli italiani e di categoria, ha regalato colpi di scena al Palaghiaccio valtellinese, che è anche sede del Centro Tecnico Federale. Dopo la serie di raduni estivi che ha visto gli atleti mettere a punto la preparazione in vista dei prossimi appuntamenti (su tutti, i Giochi Invernali di Pechino 2022), questi Campionati rappresentavano un primo test per saggiare lo stato di forma attuale e proseguire verso gli obiettivi di stagione.

Sul veloce ghiaccio bormino ha brillato la stella di Cynthia Mascitto (Esercito). L’italo-canadese è stata la mattatrice di ogni distanza sin dal primo giorno, guadagnandosi il titolo nella classifica overall, ma nelle singole distanze le migliori performance assegnano il tricolore dei 1000 e dei 1500 ad Arianna Sighel (Fiamme Oro), autrice di una prova vigorosa nell’ultima giornata, mentre sui 500 mt il titolo italiano va alla valtellinese Arianna Valcepina (Fiamme Gialle).

Nel maschile avvincente il duello tra Pietro Sighel (Fiamme Gialle) e Andrea Cassinelli (Fiamme Gialle), che si sono avvicendati sul podio nelle diverse distanze. Al temine delle varie sessioni di gara, la classifica generale premia il torinese Cassinelli, che agguanta anche il titolo italiano sui 1000 metri, mentre Sighel è campione tricolore sulle singole distanze dei 500 e dei 1500.

Per gli atleti dell’Alta Valle un riscontro molto positivo da Luca Spechenhauser, presente in tutte le finali di ogni distanza e autore di un bel 2° posto nella prima manche finale dei 1500 mt, il che gli vale un 4° posto assoluto nella overall. Anche Pietro Castellazzi, nonostante qualche “incidente di percorso”, si pazza 8° nell’assoluta a ridosso dei più esperti compagni e primo atleta rappresentativo della Bormio Ghiaccio. Viola De Piazza (11^ nella overall), dà il meglio di sè sui 1000 mt, dove centra la finale A e la finale B. Tutta esperienza anche per i giovani Viola Simonini (2005), Federica Cola (2004) e Marco Comensoli (2005), che avranno modo di crescere ulteriormente.

Brutta notizie per Yuri Confortola, il bormino in forza al Centro Sportivo Carabinieri: un infortunio al polso lo esclude dai giochi italiani ancor prima di iniziare, per lui uno stop almeno di una ventina di giorni in attesa del recupero.

L’infortunio di Yuri è un brutto colpo per la Nazionale – si rammarica il tecnico azzurro Nicola Rodigari – è un elemento di grande esperienza e che infonde sicurezza e fiducia a tutti i compagni, ma contiamo di recuperarlo al più presto. In questo weekend abbiamo comunque visto prestazioni molto interessanti, gli atleti hanno risposto bene a questo primo test e si può guardare con fiducia alle prossime gare, in vista dell’obiettivo Olimpiadi Invernali. Continueremo a lavorare, anche sui piccoli dettagli che contano, per fare il meglio possibile. Bene anche i giovanissimi: la possibilità di gareggiare con i senior li penalizza un po’ dal punto di vista dei risultati, ma per loro tanta esperienza in più che servirà per il futuro.

Il prossimo appuntamento è immediato: dall’1 al 3 ottobre un gruppo selezionato di atleti parteciperà all’ International Invitation Cup in Olanda, dopodiché a fine ottobre sarà già tempo di qualificazioni olimpiche.

 

Anna

Foto: FISG

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews